Babbu Soberanu

Un'altra versione del Padre nostro in lingua sarda.
Testo di Gonario Cabiddu (Orune 1921 - Sassari 1986), sacerdote e a lungo parroco della cattedrale di Nuoro.

 

Oh Babbu Soberanu
ch'in sos chelos istades
et semper nos mirade
cun amore.

Oh Supremu Segnore,
su nomen Vostru santu
siat esaltadu tantu
in chelu e in terra.

Semus semper in gherra
benzat su regnu Vostru
ch'est puru regnu nostru
'e santitade.

Sa ostra volontade
faghimus dotzilmente
in sa terra comente
est fatta in chelu.

Como cun tantu zelu
su pan'e cada die
dimandamus a chie
est babbu bonu.

Nois damus perdonu
a sos nimigos nostros
Bois, sos peccados nostros
perdonade.

Tenidende pietade
de sos fizos tentados
continu insidiados
nos sentimus

da 'e su male pedimus
de esser liberados
e in sos chelos giamados
a sa gloria. Amen

 

 

O Padre sovrano
che stai nei cieli
e ci guardi sempre
con amore.

O supremo Signore,
il tuo nome santo
sia esaltato
in cielo come in terra.

Stiamo sempre in guerra,
venga il tuo regno,
che sia anche nostro regno
di santità.

La tua volontà
possiamo fare docilmente
in terra,
com'e fatta in cielo.

Ora, con tanto zelo,
il pane quotidiano
chiediamo
al nostro Padre buono.

Noi perdoniamo
i nostri nemici,
Tu perdona
i nostri peccati.

Abbi pietà
di questi figli, dalle tentazioni
ci sentiamo
sempre insidiati.

Dal male chiediamo
di essere liberati
e in cielo chiamati
alla gloria. Amen.