Miserere darredu l’altariu

Eseguito ogni sabato di Quaresima.
È il Salmo 51. Il numero 51 è secondo la numerazione originale della tanakh ebraica; il numero 50 è secondo la traduzione in greco dei Settanta e della versione latina della Vulgata.

Miserere mei, Deus:
° secundum magnam misericordiam tuam *.

Et secundum multitudinem miserationum tuarum: ° dele iniquitatem meam *.

Amplius lava me ab iniquitate mea:
° et a peccato meo munda me*.

Quoniam iniquitatem meam ego cognosco;
° et peccatum meum contra me est semper *.

Tibi soli peccavi, et malum coram te feci:
° ut justificeris in sermonibus tuis,
et vincas cum judicaris *.


Ecce enim iniquitatibus conceptus sum:
° et in peccatis concepit me mater mea *.

Ecce enim veritatem dilexisti:
° incerta et occulta sapientiae tuae manifestasti mihi.

Asperges me hyssopo, et mundabor:
° lavabis me, et super nivem dealbabor.

Auditui meo dabis gaudium et laetitiam:
° et exsultabunt ossa humiliata.

Averte faciem tuam a peccatis meis:
° et omnes iniquitates meas dele.

Cor mundum crea in me Deus:
° et spiritum rectum innova in visceribus meis.

Ne projicias me a facie tua:
° et Spiritum sanctum tuum ne auferas a me.

Redde mihi laaetitiam salutaris tui:
° et spiritu principali confirma me.

Docebo iniquos vias tuas:
° et impii ad te convertentur.

Libera me de sanguinibus, Deus, Deus salutis meae:
° et exsultabit lingua mea justitiam tuam.

Domine, labia mea aperies:
° et os meum annuntiabit laudem tuam.

Quoniam si voluisses sacrificium, dedissem utique: ° holocaustis non delectaberis.

Sacrificium Deo spiritus contribulatus:
° cor contritum et humiliatum, Deus, non despicies.

Benigne fac, Domine, in bona voluntate tua Sion:
° ut aedificentur muri Jerusalem *.

Tunc acceptabis sacrificium justitiae,
oblationes, et holocausta:
° tunc imponent super altare tuum vitulos *.

Gloria Patri et Filio et Spiritui Sancto
sicut erat in principio et nunc et semper
et in saecula saeculorum, Amen *.

Pietà di me, o Dio,
secondo la tua misericordia;

nel tuo grande amore
cancella il mio peccato.

Lavami da tutte le mie colpe,
mondami dal mio peccato.

Riconosco la mia colpa,
il mio peccato mi sta sempre dinanzi.

Contro di te, contro te solo ho peccato, quello che è male ai tuoi occhi, io l’ho fatto;
perché sei giusto quando parli,
retto nel tuo giudizio.

Ecco, nella colpa sono stato generato,
nel peccato mi ha concepito mia madre

Ma tu vuoi la sincerità del cuore
e nell’intimo mi insegni la sapienza.


Purificami con issòpo e sarò mondato;
lavami e sarò più bianco della neve.

Fammi sentire gioia e letizia,
esulteranno le ossa che hai spezzato.

Distogli lo sguardo dai miei peccati,
cancella tutte le mie colpe.

Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.

Non respingermi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito

Rendimi la gioia di essere salvato,
sostieni in me un animo generoso.

Insegnerò agli erranti le tue vie
e i peccatori a te ritorneranno.

Liberami dal sangue, Dio, Dio mia salvezza,
la mia lingua esalterà la tua giustizia.


Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca proclami la tua lode;

Poichè non gradisci il sacrificio
e se offro olocausti, non li accetti.

Uno spirito contrito è sacrificio a Dio,
un cuore affranto e umiliatotu, o Dio, non disprezzi.

Nel tuo amore fa’ grazia a Sion,
rialza le mura di Gerusalemme.

Allora gradirai i sacrifici prescritti,
l’olocausto e l’intera oblazione,
allora immoleranno vittime  sopra il tuo altare.

Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo
com’era nel principio, ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen*.